Cerca nel sito


SEGUICI SU

     

Diventa smart coach: i corsi FIPAV Roma

Nasce una nuova figura che le società dovranno obbligatoriamente inserire in organico per partecipare alle attività di Volley S3, Spikeball e Under 12.

Leggi tutto...

News Società

Un Natale all’insegna dello sport del Fair play e di pacchi regalo per gli alunni della scuola pr ...
Forte del suo secondo posto con venti punti nel girone C al termine della prima fase del campionato ...

News Comitato

La Commissione Gare del Comitato Territoriale FIPAV Roma ha indetto l'edizione 2019 dei Tornei Franc ...
Il Comitato Territoriale FIPAV Roma ha ufficializzato il calendario del primo turno a eliminazione d ...

Serie A2. La Roma Volley cede il passo ad Alessano

Sotto l'albero di Natale purtroppo la scatola rimane vuota, i tre punti vanno ad Alessano che espugna per 3-1 il PalaHoney nella penultima giornata di andata. Un peccato davvero perché sarebbe potuta essere la partita della svolta per la classifica e per il prossimo futuro della squadra. E invece i giallorossi non hanno interpretato la sfida al meglio, giocando in maniera troppo fallosa e incostante davanti a un palazzetto pieno che ha spinto la squadra dall'inizio alla fine.

 

 

 

Il rammarico è doppio, uno per la mancata vittoria e secondo perchè contro una diretta concorrente che ringrazia e si porta in classifica a quota 11, mentre Roma rimane a 3. La magra consolazione rimane una classifica corta con Lamezia fermo a 5 e Leverano che riposava a 8. Ma quello che ha fatto più male oltre ai 37 errori totali è l'atteggiamento che non è stato combattivo, anzi dopo un primo set giocato con tanti sbagli e lasciato ad Alessano, nel secondo qualcosa si è visto dal punto di vista mentale, ma sul più bello, ovvero sul 24-20 la debacle, la rimonta dei pugliesi che hanno chiuso 29-27. La reazione si è vista nel terzo. Ma nel quarto quando ci si aspettava ancora un trend positivo ecco Alessano prendere di nuovo l'iniziativa, Onwuelo è stato una mina vagante, capace di mettere a terra 21 palloni. Roma non ha sfruttato le occasioni e alla fine ha pagato a caro prezzo la poca convinzione. Il rammarico aumenta nel vedere le statistiche che sono superiori ad Alessano, 57% in attacco e 52% in ricezione, contrattacco 57% a 52%, ma gli errori diretti hanno pesato troppo.

LA CRONACA - Nel primo set le due squadre sbagliano molto, soprattutto in attacco e al servizio. Dopo una fase di studio Alessano prende l'iniziativa e va sul 19-13, Roma reagisce e rientra, quando però è troppo tardi (22-16) e alla fine si chiude sul 25-23. Nel secondo Roma cambia passo, mette dentro battuta e attacco (16-13) le cose sembrano andare per il meglio, poi sul più bello, ovvero sul 24-20 la luce si spegne e iniziano gli errori e il “braccino”, Alessano recupera e rimonta (24-24). Si va ai vantaggi e alla quarta occasione i pugliesi chiudono sul 29-27. Nel terzo set ritmo ancora lento, Roma va ancora sotto fino al 10-6 poi prova la risalita mentale prima e tecnica (13-16) dopo, dal 18-18 solo i giallorossi che cambiano pelle e atteggiamento così fino al 25-23. Nel quarto è ancora Alessano a prendere le redini del gioco e a condurlo (17-20), timida reazione nella parte finale dei giallorossi (19-21), ma sono i pugliesi a chiudere e portare a casa il successo.

ORGOGLIO - Il pensiero del tecnico Mauro Budani: “Mi dispiace perché abbiamo le statistiche migliori delle loro a livello tecnico, ,ma abbiamo sbagliato clamorosamente l'approccio alla partita dal punto di vista mentale, non c'è stata reazione. Questi ragazzi hanno bisogno di una scossa, così è difficile andare avanti. Sei errori in più di loro pesano, soprattutto quando la partita viaggia sul filo del rasoio. Il tunnel è mentale, potevamo vincere con più orgoglio”.







Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni