Cerca nel sito


SEGUICI SU

     

SCARICA LA RASSEGNA STAMPA

Diventa smart coach: i corsi FIPAV Roma

Nasce una nuova figura che le società dovranno obbligatoriamente inserire in organico per partecipare alle attività di Volley S3, Spikeball e Under 12.

Leggi tutto...

News Società

La festa per la promozione in A1 dell'Acqua & Sapone Roma Volley Club ha avuto ieri il suo epilo ...
Il settore maschile del Volley Club Frascati continua a crescere e a togliersi soddisfazioni. Tra le ...

News Comitato

Il Comitato Territoriale FIPAV Roma informa le società che le Finali 2021 dei Campionati e delle Fa ...
Cinque su cinque... con la certezza che diventi un sei su sei. Sono le squadre di Roma promosse in S ...

La nota congiunta di FIPAV Roma e FIPAV Lazio sull'annosa questione degli impianti nella Capitale

Il Palazzetto dello Sport di Roma, il gioiello di Nervi da salvare - Never  Ending Season

In merito all’annosa questione della mancanza di impianti sportivi nella città di Roma – un fatto ribadito oggi dalla Regione Lazio e da Roberto Tavani, delegato allo sport del presidente, che ha citato la situazione dell’Eurobasket, costretta a giocare i playoff per la promozione in A1 lontano dalla Capitale (LEGGI QUI) – il Comitato Regionale FIPAV Lazio e il Comitato Territoriale FIPAV Roma, organi della Federazione Italiana Pallavolo, prendono posizione sul tema e sottolineano la drammaticità di un contesto che penalizza anche il volley di alto livello.

 

 

Lo fanno attraverso una dichiarazione congiunta dei presidenti Andrea Burlandi e Claudio Martinelli: «Non possiamo non segnalare che la problematica del palazzetto dello sport si ripercuote pesantemente anche sulle società di vertice della pallavolo capitolina. L’Acqua e Sapone Roma Volley Club, neopromossa in A1 femminile, è ancora alla ricerca di una soluzione del problema. Mentre la Roma Volley Club maschile che milita in Serie A3 ha già dovuto alzare bandiera bianca e ritirarsi dal campionato». «Ci auguriamo che tutti gli enti preposti possano sposare quella che ad oggi pare essere la soluzione più percorribile - aggiungono Burlandi e Martinelli - e cioè un riadattamento a uso sportivo di un padiglione della nuova Fiera di Roma. L’invito è comunque a fare presto, poiché le società hanno bisogno di risposte concrete».







Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni