Cerca nel sito


SEGUICI SU

     

SCARICA LA RASSEGNA STAMPA

Diventa smart coach: i corsi FIPAV Roma

Nasce una nuova figura che le società dovranno obbligatoriamente inserire in organico per partecipare alle attività di Volley S3, Spikeball e Under 12.

Leggi tutto...

News Società

Le vie della pallavolo sono infinite. E’ davvero incredibile la storia che arriva dai social e che ...
L'Acqua & Sapone Roma Volley Club vince all'esordio stagionale in A2 in quattro set (3-1, 18-25, ...

News Comitato

La Federazione Italiana Pallavolo, analizzato il nuovo DPCM emanato nella serata di ieri (punto 1 le ...
La Federazione Italiana Pallavolo, in base al DPCM del 13 ottobre (QUI il testo)  ha aggiornato i ...

Resilienza. L'esempio dello Sporting Pavona Pallavolo

Resilienza. È la parola chiave per descrivere l’impegno e la passione dello Sporting Pavona Pallavolo, società dei castelli romani che ha combattuto l’emergenza Covid-19 con un bagliore di creatività. Il responsabile del club, Fabrizio Trivelloni, ha ideato un macchinario per lavare e asciugare il campo da gioco tra un allenamento e l’altro, al fine di garantire l’igienizzazione e la sanificazione dell’ambiente dove lavorano le sue squadre.

 

 

 

 

Una vera e propria “opera ingegneristica” a costo zero, creata con materiale di recupero e perfettamente funzionante. L’apparecchiatura è collegata a una bicicletta: pedalando, si azionano gli irrigatori con un’apertura alare di 3 metri. In questo modo Trivelloni pulisce il palazzetto da 600 metri quadri in soli 8 minuti, dando la possibilità al gruppo che si allena successivamente di scendere in campo in totale sicurezza. “Per noi la salute degli atleti e delle atlete è fondamentale – ci ha raccontato Fabrizio – e quindi ci sembrava ovvio ritornare a lavorare nel rispetto dei protocolli, seguendo tutte le misure stabilite dalla FIPAV e dalle autorità governative. In questo modo dimostriamo ai genitori che i loro figli possono stare in palestra senza correre rischi. Li facciamo anche assistere agli allenamenti da dietro le vetrate, così possono vedere la totale trasparenza con la quale mettiamo in pratica i protocolli”.

Lo Sporting Pavona è rientrato in palestra il 1 giugno, ma sta organizzando la propria attività dal 16 maggio. Prima di ritornare sul campo da gioco, infatti, la famiglia Trivelloni ha allestito una cittadella all’aperto dentro un uliveto, tra Castelgandolfo e Albano. “Siamo usciti dalle piattaforme digitali per consentire ai nostri giovani di allenarsi all’aria aperta. Durante il lockdown ho pensato spesso a come farci trovare pronti e devo ringraziare tutto lo staff per aver assecondato le mie idee da ingegnere”. Il Pavona è una società a conduzione familiare – la moglie di Trivelloni, Marilena Collarini, è la presidente – con 150 tesserati e tanta attività federale attraverso la partecipazione a tornei e campionati, dalla Serie D femminile alle giovanili maschili e femminili. "Faccio i complimenti a Trivelloni e a tutta la società per l'idea - ha commentato il presidente FIPAV Roma, Claudio Martinelli, in visita al Pavona venerdì pomeriggio - ho potuto verificare di persona la bontà del lavoro che stanno svolgendo. Sono un esempio di come lo sport può superare tutte le difficoltà". 







Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni