Cerca nel sito


SEGUICI SU

     

Diventa smart coach: i corsi FIPAV Roma

Nasce una nuova figura che le società dovranno obbligatoriamente inserire in organico per partecipare alle attività di Volley S3, Spikeball e Under 12.

Leggi tutto...

News Società

La casa della pallavolo di Roma Nord, ha accolto a braccia aperte il nuovo tecnico Claudio Scafati c ...
L’ottimo cammino della Seconda divisione femminile della Polisportiva Borghesiana Volley si “inf ...

News Comitato

Il Mondiale di pallavolo maschile 2018 fa tappa all’Earth Village, la manifestazione ambientale ...
Il "Memorial Franco Favretto" si avvicina e come ogni anno il Comitato Territoriale FIPAV Roma indic ...

La pallavolo romana è una grande famiglia. La storia di Cristian ce l'ha ricordato

La storia di Cristian ha dimostrato quanto la pallavolo sia una vera famiglia, nei momenti di gioia e in quelli di estrema difficoltà. Un piccolo pallavolista di 7 anni, che gioca nella RIM Sport Cerveteri, da qualche mese combatte con tutte le forze contro un brutto male che lo porta a passare più tempo in ospedale che a casa. Lo sta facendo da grande campione, con tenacia e voglia di superare un ostacolo che sembra più grande di lui.

 

 

A causa di terapie molto invasive, presso la struttura del Bambino Gesù di Roma, ha urgenza di avere trasfusioni di piastrine due volte al giorno e nella notte tra sabato e domenica questa disponibilità di sangue sembrava essere esaurita. 

Sui social, prima con l’appello della RIM Sport e poi con il rilancio della notizia sui canali del Comitato Territoriale di Roma della Federazione Italiana Pallavolo si è scatenato un incredibile circuito virtuoso: in migliaia hanno chiamato i centralini o mandato messaggi e tantissime persone si sono recate fisicamente in ospedale nel week end per sincerarsi delle condizioni di Cristian e per donare il proprio sangue. La grande famiglia della pallavolo è scesa in campo insieme, unita e solidale e con l’aiuto di tanti amici e conoscenti Cristian ha raggiunto le piastrine per completare i sei cicli di terapia a cui doveva sottoporsi. Difficile raccontare l’emozione che ognuno di noi prova in questo momento, ma tutto il Comitato di Roma desidera esprimere la più profonda e sincera gratitudine nei confronti di coloro che si sono interessati e che hanno aiutato il piccolo in tanti modi. dalle condivisioni sui social alle centinaia di migliaia di persone che hanno letto la notizia favorendo il tam tam positivo di queste ore e le successive donazioni. Ovviamente c'è bisogno di sangue sempre e ci sono tanti altri bambini come Cristian a Roma e in Italia. Chiediamo quindi di non fermare questo flusso e, per chi può, di prendere contatto con i centri autorizzati alla raccolta di globuli rossi, plasma e piastrine presenti sul territorio: https://www.salutelazio.it/donare-il-sangue

Pubblichiamo, in forma anonima, uno dei tanti messaggi ricevuti in questi giorni. Lo facciamo metaforicamente nostro, di tutti coloro che fanno parte di questa straordinaria e unica famiglia: “Bellissimo bambino, vedrai che potrai presto giocare come facevi prima. La tua pallavolo ti aspetta piccolo grande guerriero. Forza, siamo tutti con te. Vinceremo questa partita insieme”.







Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni